Perché la mamma è sempre la mamma: a 98 anni va in casa di cura per assistere il figlio 80enne

0
  • di Silvia Lucchetti

“Non smetti mai di essere mamma” ha detto Ada Keating che è andata a vivere nello stesso istituto del figlio per occuparsi di lui

Ricordo che mio nonno quando stava per morire guardava le sue figlie e diceva: “prendetevi cura di vostra madre, perché di mamma c’è n’è una sola!”.

Ce lo conferma oggi la storia di Ada Keating, una signora di 98 anni che ha deciso di andare a vivere nella stessa casa di riposo dove è ricoverato il figlio Tom, che ne ha 80, per prendersi (ancora!) cura di lui.

Nel 2016, come scrive il Liverpool Echo, Tom per motivi di salute è stato ricoverato nell’istituto di Moss View Care di Liverpool. Un anno dopo anche la madre ha deciso di trasferirsi per stare con lui, per trascorrere insieme al suo primogenito il tempo che le resta.

Ada e suo marito Harry sono stati benedetti dalla nascita di quattro figli: Tom, Barbara, Margi e Janet morto all’età di 13 anni.

Ada e Tom hanno sempre vissuto insieme, l’uomo non si è mai sposato, e per questo la mamma non l’ha lasciato solo in un momento così difficile.

I due, racconta sempre il Liverpool Echotrascorrono le loro giornate giocando a carte e guardando la tv.

La buona notte e il buongiorno della mamma

“Gli dico buona notte tutte le sere nella sua stanza e poi me ne vado e il giorno dopo gli do il buongiorno”, ha detto Ada. “Quando vado dal parrucchiere, lui mi aspetterà. E quando tornerà lui mi darà un grosso abbraccio. Non smetti mai di essere mamma” ha aggiunto (Huffpost.it).

Tom: mi dice ancora “comportati bene!”

“Sono contento di vedere più spesso mia madre. Lei è molto brava a prendersi cura di me e a volte mi dice ancora: ‘Comportati bene!’” (Repubblica.it).

Questo legame indissolubile ha commosso tutti, soprattutto il personale che opera nella struttura dove i due sono ospiti: “Non è così frequente vedere madre e figlio nella casa di cura insieme – ha detto il responsabile Philip Daniels -. Vogliamo che restino insieme il più possibile” (Liverpool Echo).

Mi viene in mente una canzone dei Sottotono, “Amor de mi vida”, che nel ritornello dice:

“Mai lascerò che qualcuno ci divida e se al mio fianco ti avrò accetterò ogni sfida, amor de mi vida sei il mio angelo fammi da guida”.

Davvero mamma Ada è l’angelo di Tom!

Fonte: Aleteia