Pimonte, Napoli: muore a 16 anni. La sera prima aveva fatto un vaccino. È lecito sospettare?

1

Ieri mattina, 5 luglio, a Pimonte, comune in provincia di Napoli, è morto Gennaro Somma, un ragazzo di sedici anni.

Napoli Today ha scritto che sia il sindaco, sia il parroco di Pimonte hanno raccontato di un vaccino che Gennaro avrebbe fatto la sera precedente.

«So che ieri sera ha fatto un vaccino. Ma non so di cosa si tratti – ha spiegato don Vincenzo – Dobbiamo essere molto cauti. Stiamo vivendo giorni molto difficili qui a Pimonte. Il ragazzo lo conoscevo molto bene, frequentava l’oratorio e in questi giorni si era iscritto anche a un torneo di calcio. Ora in famiglia sono frastornati. Attendono l’autopsia».

L’autopsia intanto è stata effettuata e, come scrivono sul Gazzettino Vesuviano, il risultato è che si è trattato di un «aneurisma cardiaco».

Quindi sembra che il vaccino non c’entri nulla: sarebbe solo una coincidenza che la sera prima della morte Gennaro si fosse vaccinato.

Ma siamo certi che i vaccini non c’entrino nulla con gli aneurismi? Sul sito di Valdo Vaccaro abbiamo trovato un articolo del 23 dicembre 2014, che parla di aneurismi e che ci sentiamo in dovere di citare:

«Le arterie sono vasi molto resistenti e servono al trasporto del sangue dal cuore a tutti i tessuti del corpo. Sono in comunicazione coi capillari, portando il fluido rosso alla periferia del corpo. Allo stato normale le arterie sono elastiche. Si contraggono e si dilatano fisiologicamente seguendo il ritmo cardiaco ed aiutando in tal modo la circolazione del flusso sanguineo. Si infiammano solo per effetto di un sangue viziato o alterato nella sua composizione. Anche farmaci, iniezioni e vaccini, nonostante non se ne parli e non si voglia ammettere, alterano la composizione del sangue facendo degenerare l’intero sistema circolatorio».

Porgiamo le nostre più sentite condoglianze ai famigliari di Gennaro.