La scuola è iniziata prima perché a Pasqua si rischiano 2 settimane di ponte

0
ponti

Inizia la scuola: per gli studenti sarà un anno pieno di ponti e festività prolungate – di Stefano Rizzuti

L’anno scolastico è già iniziato in alcune regioni italiane e gli studenti già pensano alle vacanze che avranno nei prossimi mesi.

Si preannuncia un anno con la possibilità di molti ponti, a partire da quello del primo novembre.

In alcune regioni, inoltre, chiusure prolungate delle scuole da Pasqua fino al 25 aprile, con un ponte che può raggiungere le due settimane.

L’anno scolastico 2018/2019 si è aperto il 5 settembre con gli studenti della provincia autonoma di Bolzano e oggi, lunedì 10 settembre, è toccato a ragazzi e ragazze di altre quattro regioni: Abruzzo, Basilicata, Friuli Venezia Giulia e Piemonte.

Seppure molti giovani italiani non saranno felicissimi dell’inizio dell’anno scolastico, c’è una buona notizia che potrebbe consolarli: questo nuovo anno potrebbe avere festività prolungate con molti ponti.

E proprio questo è uno dei motivi per cui alcune regioni hanno deciso di iniziare prima del solito con le lezioni.

I ponti possibili sono quelli del primo novembre, del 25 aprile e anche del primo maggio. Con di mezzo Pasqua.

Addirittura c’è chi immagina la possibilità di due intere settimane senza scuola. Ipotesi difficile, ma non impossibile.

Le regioni hanno infatti stabilito il loro calendario scolastico, ma ogni istituto ha poi un minimo di margine su eventuali chiusure aggiuntive.

Ponti e festività

C’è chi, come la Regione Liguria, prevede durante l’anno due ponti: quello del primo novembre (scuole chiuse fino al 3) e quello del 25 aprile (scuole chiuse fino al 27, ma con meno giorni di vacanza per Pasqua).

Nella provincia di Bolzano, invece, gli studenti avranno un lungo ponte dal 29 ottobre al 4 novembre (ma hanno iniziato prima di tutti gli altri in Italia).

Le vacanze di Natale dovrebbero iniziare in quasi tutte le scuole il 23 dicembre (o il 22), fino al 6 gennaio, giorno dell’Epifania, che cade di domenica.

Diverse le vacanze pasquali da regione a regione: in linea di massima si inizia il 18 aprile e le vacanze proseguiranno fino al 23.

Ma alcune regioni terranno le loro scuole chiuse anche il 24, legando così le festività al 25 aprile.

Ci sono regioni, come il Trentino o la Campania, in cui le scuole rimarranno chiuse dal 19 al 27 aprile.

In altre regioni sono previste le chiusure per Carnevale: in Friuli Venezia Giulia, Piemonte, Lombardia, Veneto, Valle D’Aosta, Basilicata, Abruzzo e Campania gli studenti riposeranno due o tre giorni in più.

Moltissime le regioni in cui ci sarà invece il Ponte per i Santi, con scuole chiuse fino al 3 novembre in Liguria, Calabria, Piemonte, Trentino, Umbria, Veneto, Valle D’Aosta, Puglia, Emilia Romagna, Sardegna, Basilicata, Molise, Abruzzo, Campania, Marche.

Tutti i possibili ponti

Andando a esaminare tutte le singole festività, cerchiamo di capire come le scuole potranno muoversi e quando potranno concedere feste più lunghe ai loro studenti.

Il primo novembre, festa di tutti i Santi, cade di giovedì: molto probabile un ponte che comprenda anche venerdì, sabato e il ritorno a scuola lunedì 5.

Ponte molto più breve (e non per tutti, visto che alcune scuole di sabato sono chiuse) all’Immacolata: quest’anno sarà sabato l’8 dicembre, quindi due giorni di seguito di chiusura per le scuole italiane assicurati.

Il Natale cade di martedì: le scuole potrebbero chiudere tra venerdì e sabato, quindi o il 21 o il 22. L’Epifania, il 6 gennaio, è invece di domenica. Il 7 tutti gli studenti italiani ritorneranno tra i banchi di scuola.

La domenica di Pasqua sarà il 21 aprile. Considerando il lunedì dell’Angelo gli studenti potrebbero tornare a scuola il 23 o il 24.

Ma molti istituti potrebbero decidere di concedere uno o due giorni in più per prolungare le festività fino al 25 aprile, che cade di giovedì.

E, come visto, non è da escludere che le scuole decidano di allungare ancora il ponte, chiudendo anche sabato e domenica.

Con un ritorno a scuola che potrebbe slittare a lunedì 29 aprile. E non solo, perché il primo maggio cade di mercoledì: altri due giorni di chiusura e si può sperare in due settimane di scuole chiuse.

Unica nota dolente per gli studenti italiani è il 2 giugno: la festa della Repubblica si celebra di domenica. Fonte: fanpage.it