Sequestrata la Aquarius: ecco cosa faceva la Ong dei medici coi rifiuti infettivi

0
sequestrata la aquarius

Sequestrata la Aquarius di Medici Senza Frontiere: scaricò in Italia rifiuti infettividi Anna Pedri

Catania, 20 nov – La nave Aquarius, dell’ong Medici Senza Frontiere, che nel Mediterraneo va a caccia di immigrati da far sbarcare sulle coste italiane è stata sequestrata e Msf indagata per traffico illecito di rifiuti infettivi.

L’indagine di Guardia di Finanza e Polizia, coordinata dalla Procura di Catania, ha svelato un traffico 24 mila chili di rifiuti infettivi, che per ben 44 volte sono stati scaricati in 11 porti italiani.

Parte dei rifiuti, come si legge nei documenti della Procura, che ha condotto una serie di controlli in più occasioni, era costituita da “indumenti contaminati indossati dagli extracomunitari”, scarti alimentari e rifiuti di quanto utilizzato in navigazione per l’assistenza medica.

Rifiuti altamente pericolosi, come dimostrano i numerosissimi e documentati casi di malattie quali scabbia, meningite, tubercolosi, Aids e sifilide, smaltiti come se fossero normale spazzatura.

In totale sono state indagate 24 persone, tra cui il comandante e il primo ufficiale dell’Aquarius, il russo Evgenii Talanin e l’ucraino Oleksandr Yurchenko.

Insieme a Msf e agli altri indagati a vario titolo avrebbero “sistematicamente condiviso, pianificato ed eseguito un progetto di illegale smaltimento di un ingente quantitativo di rifiuti pericolosi a rischio infettivo, sanitari e non”.

I porti interessati dai rifiuti infettivi della nave Aquarius sono quelli di Trapani, Pozzallo, Augusta, Catania, Messina, Vibo Valentia, Reggio Calabria, Corigliano Calabro, Napoli e Salerno in Campania, Brindisi.

Sequestrata la aquarius e disposto il blocco di 460mila euro

Attualmente la nave Aquarius si trova nel porto di Marsiglia. Oltre al sequestro preventivo della nave è stato disposto anche il blocco di 460 mila euro.

I fatti contestati risalgono al periodo gennaio 2017 – maggio 2018, e riguardano anche un’altra nave utilizzata da Msf, la Vos Prudence, che avrebbe adottato lo stesso comportamento nel periodo tra il marzo e il luglio 2017.

Non a caso tra gli indagati figurano oltre al Centro operativo di Amsterdam di Msf, anche il Centro operativo di Bruxelles, che invece ha gestito e finanziato le missioni di soccorso della Vos Prudence.

Mentre Medici Senza frontiere commenta il sequestro come un “inquietante e strumentale attacco per bloccare azione salvavita in mare”, non si fa attendere la dichiarazione del ministro dell’Interno Matteo Salvini, il quale su twitter ha scritto: “Ho fatto bene a bloccare le navi delle Ong, ho fermato non solo il traffico di immigrati ma da quanto emerge anche quello di rifiuti. #portichiusi”.

Fonte: IL PRIMATO NAZIONALE – Titolo originale: Sequestrata la Aquarius di Medici Senza Frontiere: scaricò in Italia rifiuti infettivi

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here