Siria: sesso in cambio di aiuti umanitari. Lo scandalo inchioda funzionari Onu e Ong

0
aiuti umanitari

Siria: sesso in cambio di aiuti umanitari. Lo scandalo inchioda funzionari Onu e Ong

  • di Davide Falcioni

Funzionari Onu e di altre organizzazioni non governative sono accusati di aver scambiato aiuti umanitari in cambio di favori sessuali in Siria.

Donne siriane sarebbero state abusate da operatori dell’Onu e di altre organizzazioni non governative che scambiavano cibo e altri aiuti con “favori sessuali”. Lo rivela in un’intervista alla Bbc la cooperante Danielle Spencer.

Il fenomeno sarebbe talmente diffuso, racconta, che molte donne siriane ormai si rifiuterebbero di andare presso i centri di distribuzione degli aiuti perché temono di essere ‘ricattate’. Le Nazioni Unite hanno replicato alle accuse sostenendo di non essere a conoscenza di nessun episodio del genere

La BBC, tuttavia, ha spiegato che lo sfruttamento sarebbe così diffuso che non poche donne siriane preferirebbero rinunciare a recarsi nei centri di distribuzione per evitare le violenze e i ricatti. Le fonti sentite dall’emittente britannica hanno aggiunto che alcune agenzie umanitarie stanno tollerando lo sfruttamento poiché l’utilizzo di operatori terzi e di funzionari locali è l’unico modo per far arrivare gli aiuti in alcune delle zone più pericolose della Siria, dove il personale internazionale non riesce neanche ad avvicinarsi. Le donne sole, come le vedove o le divorziate, e le donne sfollate all’interno del paese sono considerate i soggetti più vulnerabili.

Il tema dello sfruttamento sessuale era stato denunciato per la prima volta tre anni fa da una consulente umanitaria che aveva raccolto le testimonianze e le accuse di un gruppo di donne siriane in un campo profughi in Giordania. Malgrado gli avvertimenti e due relazioni diverse, però, le violenze non sembrano essersi fermate. BBC ha scritto: “Da qualche parte è stata presa una decisione per la quale va bene che i corpi delle donne continuino ad essere usati, violati, abusati in cambio di un aiuto per un gruppo più numeroso di persone”.

In un rapporto, intitolato ‘Voci dalla Siria 2018′, si parla di “donne e ragazze sposate a funzionari per un breve periodo per ‘sesso’ per poter ricevere dei pasti; gli addetti alla distribuzione di aiuti chiedono i numeri di telefono di donne e ragazze; danno loro aiuti ‘con qualcosa in cambio’ o distribuiscono aiuti ‘in cambio di una visita a casa loro’ o ‘in cambio di una notte con loro”‘. Inoltre il rapporto spiega che “le donne e le ragazze ‘senza un protettore uomo’, come le vedove e le divorziate o le sfollate, sono particolarmente vulnerabili allo sfruttamento sessuale”.

Fonte: fanpage.it