Sofisticate armi ai terroristi: l’esercito siriano scopre a chi appartengono

0
terroristi

L’Esercito siriano cattura ai terroristi sofisticate armi anticarro francesi – Ancora una prova, della collusione tra la Francia e i gruppi terroristi che operano in Siria.

Secondo quanto riferito, l’esercito siriano ha sequestrato nella provincia meridionale di Dara’a due sofisticati sistemi d’arma anticarro costruiti in Francia, dove sta conducendo operazioni antiterrorismo.

Le armi sequestrate nel villaggio di Jadal, sono state indicate come APILAS da 112 mm (Armatura-Piercing Fanteria Light Arm System), come ha riferito la rivista militare Defense Blog.

“I media locali hanno mostrato le immagini di due sistemi d’arma anticarro APILAS sviluppati in Francia da GIAT Industries”.

Attualmente conosciuta come Nexter Systems, la GIAT Industries è un produttore di armi di proprietà del governo francese.

La Francia è accusata di sostenere i miliziani terroristi anti-Damasco fin dal 2011.

L’uso del sistema di armi anticarro della APILAS era stato avvistato in Siria anche prima, scrive la rivista, dicendo che:

già nel 2015 un paio di sistemi di questo tipo sono stati sequestrati dai militanti dell’esercito libero siriano (FSA)”.

La FSA ha goduto di ampio sostegno occidentale, in particolare dagli Stati Uniti. Washington, tuttavia, ha recentemente dichiarato ai militanti che le forze USA non sarebbero state più alle loro spalle per appoggiarli nel sud della Siria.

Finora oltre 120.000  lanciatori APILAS sono stati prodotti e consegnati a paesi come l’Arabia Saudita e la Giordania, ha detto la rivista.

Liberare le province dai terroristi

Dopo aver liberato Dara’a, Damasco spera di liberare anche le vicine province di Quneitra e Suwaida dalla presenza di terroristi.

Le tre province formano la punta meridionale del paese arabo vicino al confine con la Giordania.

Ti potrebbe interessare anche Opac conferma: nessuna traccia di armi chimiche in Siria

Nota: Questo sequestro si aggiunge a quelli effettuati in precedenza di un enorme deposito di armi abbandonato dai terroristi nella provincia di Dara’a dove c’erano quantità di armamenti sofisticati prodotti da USA, Francia, Gran Bretagna, e Israele.

Tutte armi utilizzate dai terroristi che dimostrano (se mai ci fossero ancora dubbi) da chi venivano appoggiati e sostenuti i gruppi terroristi che hanno devastato la Siria per rovesciare il Governo di Damasco.

I francesi, i britannici e gli israeliani hanno tutti collaborato al progetto che è fallito grazie alla resistenza del popolo, dell’Esercito siriano ed all’intervento decisivo della Russia e dell’Iran.

L’Occidente, USA e Israele,  mettono oggi sul banco degli accusati e sanzionano questi paesi per aver fatto fallire il piano di USA e di Israele di balcanizzazione della Siria.

Questo spiega la massiccia campagna di demonizzazione e di di fake news condotta  dai media occidentali contro Putin e contro l’Iran.

Gli anglosionisti sono furibondi per il fallimento dei loro piani in Siria e in questo modo sfogano la loro rabbia e frustrazione. Fonte: Press Tv

Traduzione e nota: Luciano Lago di Controinformazione