Maestre d’asilo filmate da videocamere nascoste, ecco cosa facevano

0
due maestre

Alessandria: schiaffi, spintoni e urla contro i bambini, sospese due maestre d’asilo – di Biagio Chiariello

Ancora una volta sono state le telecamere ad individuare gli abusi su almeno 8 bambini, tra i 3 e i 5 anni.

Le due maestre dell’istituto nell’Alessandrino sono state denunciate a piede libero: il reato ipotizzato è maltrattamenti su minore.

Ancora una vicenda di cronaca con protagoniste in negativo delle maestre violente.

Due insegnanti di una scuola dell’infanzia di Alessandria, sono state sospese dal loro esercizio dagli uomini della polizia.

L’indagine è stata innescata dalla segnalazione della mamma di uno degli alunni dell’asilo in questione, che è rimasta insospettita dai racconti del figlioletto:

“La maestra grida”, diceva il bambino, “Se non siamo bravi ci prende per le braccia” e ha riferito il tutto alle forze dell’ordine.

Ti potrebbe interessare anche Pordenone, ecco cosa facevano 4 maestre e una bidella ai bimbi 

Gli agenti della squadra mobile, sotto la direzione della procura, hanno potuto accertato abusi su 8 bambini di età compresi fra i 3 e i 5 anni.

Le due maestre sospese avrebbero mostrato comportamenti violenti come schiaffi, percosse e strattoni nei confronti dei piccoli, ma anche insulti ingiuriosi, il tutto documentato dalle telecamere nascoste piazzate dagli investigatori all’interno della struttura.

Le due donne, oltre ad essere state sospese dalla propria professione, sono state denunciate a piede libero con l’accusa di maltrattamenti su minore.

Alessandria, due maestre sospese: ieri caso analogo a Roma

Solamente ieri un caso analogo, precisamente nel quartiere Eur di Roma, ha visto la sospensione dal loro esercizio di ben cinque insegnanti fra i 50 e i 60 anni presso un asilo nido, a seguito di violenze fisiche e psichiche sui piccolissimi alunni:

anche in quel caso, dopo le denunce dei genitori, erano state le telecamere a testimoniare schiaffi sulla testa, spinte, insulti nei confronti dei bimbi. Fonte: fanpage.it

Il video della Polizia di Stato: