Spread a 528 con il governo Monti: perché allora nessuno si preoccupava?

1
spread

Si sono scordati lo spread di Monti a 500… – di Francesco Storace – È in azione contro l’Italia una banda di spudorati.

Giocano sciaguratamente la partita dello spread che serve ad acquistare sotto costo i beni della Nazione.

Ma non hanno diritto di parola. Perché sono gli stessi che calarono le carte all’epoca dell’ultimo governo Berlusconi ma fecero silenzio quando lo spread risali’ a 528 con il governo Monti.

Tacciono, svergognati, per attaccare il governo Conte che almeno tenta di ricreare giustizia sociale. Di mira, i padroni della finanza prendono di petto soprattutto la riforma della legge Fornero.

Lo spread, i mercati e il cambiamento.

Il fatto che ora ci sia alla guida dell’Italia una classe dirigente che vuole mandare i lavoratori in pensione ad un’età civile e creare con la loro uscita centinaia di migliaia di posti di lavoro per i giovani a loro non va proprio giù.

Eppure, non bisogna mollare e contrastare colpo su colpo le manovre finanziarie contro la nostra Nazione.

Ma che cosa vogliono dalle centrali che pretendono di decidere le nostre scelte economiche? Della Fornero abbiamo accennato; ma è importante anche la partenza della Flat tax per le imprese; così come non va demonizzato il reddito di cittadinanza se viene costruito come misura per l’avviamento al lavoro; ed è importante anche la pace fiscale con i contribuenti.

Si chiama cambiamento; ed è evidente che la conservazione frena; chi ha campato con un’economia a propria immagine e somiglianza non può tollerare l’inversione di marcia. Finiscono le rendite di posizione.

I mercati ci faranno ballare fino al termine dell’iter della legge finanziaria in Parlamento. Quando la partita sarà chiusa senza stravolgimenti, finalmente la politica italiana dovrà essere rispettata per quello che è, senza ulteriori giochi di prestigio da Bruxelles e dintorni.

Ormai che lassù si annidino i nemici dell’Italia è assolutamente evidente. Sanno che a maggio, con le elezioni europee, il fronte sovranista spazzerà via il vecchio potere continentale che non si vuole rassegnare alla fine di un’egemonia.

Popolo sovrano.

Purtroppo per loro sono i popoli a decidere e questa è la variante che li fa impazzire: perché finora aveva deciso tutto la moneta unica.

No, tornerà la democrazia, che prevarrà su certa economia a vantaggio di pochi. Con i numeri del consenso si deciderà a vantaggio dei molti che finora soccombevano.

Chi ancora oggi pensa di ostacolare un percorso che sarà storico, dimostra di aver capito ben poco di quel che sta succedendo nel corpaccione dei popoli europei: chi osasse ancora proporre politiche di austeriti sarebbe destinato a una fine ingloriosa.

Perché i cittadini di ogni paese non ce la fanno più a vedersi privati dei servizi più elementari.

A sinistra non hanno soluzioni da offrire se non un europeismo di facciata e perdente sotto ogni punto di vista; i popolari sono l’altra faccia di una medaglia asfittica e senza alcuna prospettiva.

La novità può arrivare proprio dal mondo sovranista e questo spiega il grande lavoro di Salvini in queste settimane. In gioco c’è il futuro di tanti italiani e tantissimi europei. I burocrati la smettano di fare danno. Fonte: francescostorace.eu

1 commento

  1. Gia il fatto che colpevolizzi “qualcuno” che non vuole far fare a questo governo delle cose buone per il popolo, fa capire la tua infantilità nel cercare di trovare i buoni e cattivi nel mondo.
    Ma comunque mi piace fare precisazioni: Monti è intervenuto PROPRIO PERCHÉ lo spread aveva raggiunto quota 500, ed è sceso della metà nel giro di qualche mese. Poi c´è stato il picco della crisi greca, che ha coinvolto la spagna, e a ruota l´italia, e quindi nel 2012 è risalito nuovamente intorno ai 500.
    A quel punto l´UE è intervenuta e lo spread è tornato a 260 e monti se ne è potuto tornare a casa.
    Buona giornata

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here