Strofinacci da cucina: ecco come mettono in pericolo la salute

0
Strofinacci da cucina

Negli strofinacci da cucina si potrebbe annidare un pericolo potenzialmente mortale per la nostra salute.

Gli strofinacci sono pericolosi per la nostra salute: perché e come evitarlo – di Lorenzo Fargnoli

Una ricerca scientifica dell’università delle Mauritius infatti ha dimostrato, che in un campione di 100 panni per uso domestico, quasi la metà è risultato contaminato da batteri pericolosi. Cosa possiamo fare per evitare questo rischio.

Negli strofinacci che usiamo comunemente in cucina vivono milioni di batteri potenzialmente pericolosi per la nostra salute, che ci esporrebbero al rischio di contaminazioni e intossicazioni alimentari. Ma quale abitudini ci mettono più in pericolo?

Ti potrebbe interessare anche Il Dna non mente. Spugne da cucina: peggio, solo le feci

Le cause. Le consuetudini, che secondo i ricercatori porterebbero alla proliferazione di batteri potenzialmente pericolosi per l’uomo, sarebbero molteplici: utilizzare panni polivalenti inumiditi, non lavarsi le mani correttamente, vivere in un nucleo familiare numeroso, abitudini alimentari non vegetariane.

Come evitare la contaminazione degli stracci. La ricerca conclude, che le famiglie con soggetti a rischio e più vulnerabili alle infezioni, come anziani, bambini o malati cronici, dovrebbero porre molta più attenzione alle pratiche igieniche in cucina, ad esempio evitare gli strofinacci umidi, usare panni di carta monouso.

Le malattie che rischiamo. Gli studiosi hanno preso a campione 100 asciugamani di stoffa, trovandone 49 contaminati da batteri potenzialmente pericolosi.

Ti potrebbe interessare anche Ecco come pulire la tenda e il tappetino della doccia

Fra gli inquilini indesiderati più popolosi dei nostri strofinacci da cucina (quasi 2 terzi delle contaminazioni) ci sarebbero sia l’Escherichia coli sia l’Enterococcus, batteri fecali che possono portare: febbre, crampi intestinali, vomito, polmoniti.

Lo Staphylococcus aureusi invece troverebbe  il suo habitat ideale negli strofinacci umidi di famiglie con abitudini alimentari carnivore ed è portatore di meningiti, shock tossico, sepsi.

Conclusioni. “Il nostro studio dimostra, che la composizione familiare e le pratiche igieniche hanno influenzato il carico microbico degli strofinacci da cucina”, ha affermato la dott.ssa Susheela Biranjia-Hurdoyal

“Abbiamo anche scoperto che la dieta, il tipo di utilizzo e l’uso di panni umidi, potrebbero essere molto importanti nel promuovere la crescita di potenziali batteri responsabili dell’avvelenamento da cibo”. Fonte: fanpage.it