Terremoto tra Iran e Iraq: oltre 300 morti e migliaia di feriti

0
  • di Susanna Picone

Un forte terremoto di magnitudo 7.2 ha colpito la zona di confine tra Iran e Iraq. La scossa è stata sentita da Israele fino al Pakistan, passando per la Turchia, gli Emirati Arabi Uniti, il Kuwait e il Libano. Forte sisma anche in Costa Rica.

Sale di ora in ora il pesante bilancio del terremoto di magnitudo 7.2 che nella serata di domenica ha colpito la zona al confine tra Iran e Iraq. Secondo l’ultimo bilancio sono almeno 341 i morti e circa 5340 i feriti. Nella Repubblica islamica il maggior numero di vittime. Secondo l’Istituto statunitense Usgs, l’epicentro del sisma è stato localizzato a 32 chilometri da Halabjah, nel Kurdistan iracheno, e la scossa oltre a colpire la capitale Bagdad, a circa 300 km dall’epicentro, sarebbe stata avvertita anche in Israele, Dubai, Kuwait, Libano e Turchia. Quest’ultimo Paese ha ha inviato un primo convoglio di aiuti e si impegna a continuare nelle attività di sostegno umanitario. Lo ha annunciato il premier di Ankara, Binali Yildirim. La Mezzaluna rossa e la Protezione civile turca (Afad) hanno reso noto di aver inviato cibo, medicine, tende e coperte, oltre a squadre incaricate delle attività di soccorso e ricerca di eventuali dispersi.

Scene di panico in strada dopo il terremoto

Iran, dove oltre venti villaggi sono stati danneggiati, le città più colpite sono state Ghasre Shirin a Kermanshah e Azgaleh. Il presidente Hassan Rouhani, in una telefonata con il ministero dell’Interno, ha sottolineato la necessità di un massimo sforzo dei soccorsi. Almeno trenta squadre di emergenza iraniane sono state inviate alla regione colpite dal terremoto con elicotteri e mezzi di soccorso terrestri. In Iraq i funzionari hanno detto che il sisma ha ucciso almeno sei persone nella provincia di Sulaimaniyah e ferito più di 150. La gente è stata uccisa e ferita dal crollo delle case, oltre che ad una frana sulla montagna vicina alla diga di Darbandikhan. La terra ha tremato per la prima volta alle 21.18, quando la gente si è riversata nelle strade in preda al terrore, e dopo la forte scossa ci sono state decine di repliche.

Il terremoto in Costa Rica

Poche ore dopo il sisma al confine tra Iran e Iraq un altro terremoto si è verificato in Costa Rica. Un sisma, di magnitudo 6.7, secondo la rilevazione dell’ Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia (Ingv) ha colpito alle 3.28, e l’epicentro è stato localizzato sulla costa occidentale del Paese, a una profondità di 35 chilometri. Al momento si registrano crolli e molto panico. Alcuni edifici sono stati evacuati e verifiche sono in corso da parte dei vigili del fuoco.

Fonte: Fanpage