Mangia l’insalata e ci trova dentro una lucertola morta: “Forse ho ingerito anche la coda”

0
lucertola

Mangia l’insalata e ci trova dentro una lucertola morta: “Forse ho ingerito anche la coda”

  • di B.C.

Disgustosa disavventura alimentare per una 33enne americana. La donna aveva acquistata quella busta di lattuga preconfezionata in un supermercato di Portsmouth, nel New Hampshire. “È stato disgustoso, sono scioccata”, dice.

Aveva già mangiato qualche foglia di insalata, quando la sua forchetta ha infilzato quella strana creatura. Michelle Carr, infermiera di Kittery, nello Stato del Maine, è rimasto scioccata nello scoprire che una lucertola di circa 7 centimetri, morta e senza la coda, si nascondeva nel suo cibo. Dopo aver vomitato, la donna teme di poter aver ingerito batteri nocivi a cui lei e il suo bimbo appena nato, che allatta ancora al seno, potrebbero essere stati esposti.

Leggi anche Nella merendina c’è un chiodo, la denuncia di una mamma fiorentina: “Poteva farmi molto male”

Carr ha detto di aver comprato un sacchetto di lattuga romana a un supermercato della catena Shaw’s a Portsmouth, nel New Hampshire, il 26 gennaio. L’insalata è distribuita da un’azienda californiana. Una portavoce del supermercato ha detto di aver informato già il fornitore. Carr ha anche segnalato l’incidente al dipartimento di salute dello stato. Il portavoce ha detto che la lattuga è stata confezionata e spedita da un altro stato, qualsiasi indagine sarebbe stata condotta dalla Food and Drug Administration.

“Ho messo la forchetta nell’insalata e dopo un paio di morsi, ho realizzato che quella che avevo infilzato non era una fetta di avocado, era una lucertola. È stato disgustoso, ero scioccata“, ha detto all’emittente tv WMUR. “Non so se ho ingerito la coda. Come è potuto accadere? Non avevo mai comprato un sacchetto di lattuga preconfezionata” dice ancora.

Leggi anche California, uomo espelle una tenia lunga 1,5 metri: mangiava salmone crudo quasi ogni giorno FOTO

L’infermiera ora è in attesa di ulteriori risposte dopo aver contattato il Dipartimento di salute e servizi umani del New Hampshire, la Food and Drug Administration e Shaw’s. “Spero che qualcuno impari qualcosa da quello che mi è capitato. Non è solo qualcosa che si legge sui giornali. Dobbiamo essere molto attenti nel lavare i tuoi prodotti, non importa dove li prendi” conclude Michelle.

Fonte: Fanpage