Vaccini, nuovo scandalo: adesso Papa Francesco dovrà intervenire e dare una spiegazione

14

Chi scrive è cattolico (o almeno ci prova) e da cattolico si trova spiazzato davanti alla posizione della Chiesa in merito alla pratica delle vaccinazioni.

Nel video che è possibile visionare in fondo all’articolo, il Dottor Stefano Montanari interviene alla manifestazione del 22 luglio 2017 a Roma: «Per chi è cattolico, cristiano, c’è un problema: esiste almeno una decina di vaccini di diffuso consumo che vengono fabbricati grazie a degli aborti provocati».
Montanari spiega: «Delle signore aspettano un bambino, poi lo abortiscono e l’aborto viene venduto. Lo sapete quanto costa un fegato di un aborto? 325 dollari. Lo sapete quanto costa una gamba di un bambino abortito appositamente per fare i vostri vaccini? Altri 325 dollari. A cui vanno aggiunti 120 dollari di trasporto perché questi pezzi di bambini abortiti per voi, devono essere conservati al freddo».

Lo stesso argomento era stato trattato qualche giorno prima nella discussione in Senato sul decreto Lorenzin, dalla Senatrice Paola De Pin:

Montanari prosegue: «Non c’è nessuna autorità ecclesiastica che vi dica queste cose. Quando voi vi vaccinate sappiate che avete molte probabilità di vaccinarvi con un pezzo di un bambino che è stato ucciso per voi».

Com’è possibile che le autorità della Chiesa non si pronuncino a riguardo? L’unica motivazione, non so quanto credibile, è che i vertici della Chiesa non siano a conoscenza dell’omicidio che avviene per la fabbricazione di «dieci fra i vaccini più comuni». Come non ne sono a conoscenza milioni di cattolici e cristiani che si vaccinano senza porsi minimamente il problema.

Se così fosse, speriamo che gli interventi riportati in questo articolo, insieme a iniziative come questa petizione lanciata su Change.org, possano diffondersi sui social e arrivare, in breve tempo, a quelle autorità ecclesiastiche che dovranno per forza prendere posizione: o contro tali vaccini o a favore dell’aborto… Non sembra possa esistere una terza opzione.