Siria: e se la verità sui bombardamenti a Ghouta non ve la raccontassero?

0
Siria

Siria: Vi siete chiesti perché i civili ad Est Ghouta non abbandonano la zona di battaglia?

Venerdì è circolata la notizia che quasi 100 civili sono stati uccisi in East Ghouta dai siriani e da attacchi aereo russi. E’ stato detto che i civili fossero deliberatamente presi di mira. Questa campagna di disinformazione è  iniziata con l’Unione delle organizzazioni di assistenza medica e di soccorso (#UOSSM) che ha riportato che 72 attacchi aerei hanno ucciso 97 civili, procurato 500 feriti e bersagliato  cinque ospedali. Ma chi è la fonte di queste informazioni?
Le fonti di queste informazioni è di tale  Ahmad Sweida , direttore di un ospedale che si è fotografato orgogliosamente con la  bandiera dell’ISIS come potete vedere nella foto del servizio di Sott.net, e la seconda fonte era Omar Al-Sweid, un cosiddetto medico dallo stesso ospedale che in un’altra foto è mostrato con fucile semiautomatico al seguito.

Di seguito l’articolo su questa vicenda tratto da Sott.net. Dopo aver letto questo articolo, vi domanderete il motivo per cui i russi hanno accettato la risoluzione di tregua nel Ghouta Est.
L’esposizione dei media occidentali su Est Ghouta è falsa: perché i civili non abbandonano la zona di battaglia?

Ghouta orientale, nella campagna orientale della provincia di Damasco, è a un tiro di schioppo dal centro di Damasco. Questa è stata una delle aree della Siria controllate dalle organizzazioni terroristiche che si sono più  consolidate. Esse hanno utilizzato il territorio di cui si sono impadronite come una base per far piovere missili e razzi su civili innocenti di Damasco detenuta dal governo.

Sono emersi resoconti sul fatto che centinaia di civili vengono uccisi ogni giorno dagli attacchi aerei siriani e russi. Tuttavia, qual è la fonte principale di questi rapporti? Letteralmente è un sostenitore dell’ISIS con sede a East Ghouta che è stato fotografato in posa con una bandiera ISIS e ha fatto l’infame saluto salafista.

Ghouta orientale, nella campagna orientale della provincia di Damasco, è a un tiro di schioppo dal centro di Damasco. Questa è stata una delle aree della Siria controllate dalle organizzazioni terroristiche che si sono più  consolidate. Esse hanno utilizzato il territorio di cui si sono impadronite come una base per far piovere missili e razzi su civili innocenti di Damasco detenuta dal governo.

Sono emersi resoconti sul fatto che centinaia di civili vengono uccisi ogni giorno dagli attacchi aerei siriani e russi. Tuttavia, qual è la fonte principale di questi rapporti? Letteralmente è un sostenitore dell’ISIS con sede a East Ghouta che è stato fotografato in posa con una bandiera ISIS e ha fatto l’infame saluto salafista.

Ahmad Sweida, il direttore di un ospedale di East Ghouta
L’uomo che vedete nella foto sopra è Ahmad Sweida, direttore di un ospedale di East Ghouta, è lui che è utilizzato come fonte dalle Ong e dalle organizzazioni di soccorso. A loro volta i media mainstream poi diffondono le notizie da queste diffuse di “centinaia di morti dai raid aerei siriani e russi”.  Allora quantomeno ci si deve interrogare, come ci si fa a fidare di una simile fonte? 

Tuttavia, questo evidenza non vuole negare che i civili non siano stati uccisi in Ghouta Orientale dagli attacchi aerei governativi. La sfortunata realtà è che i civili muoiono sempre in guerra. Quello che abbiamo detto, non lo diciamo per giustificare la morte di civili, ma il meccanismo  che vi abbiamo riportato, pone due domande.

Affrontiamo il primo: Perché i media mainstream forniscono solo notizie di parte? Abbiamo visto l’orribile filmato di East Ghouta, ma che dire di quello di Damasco dopo che i cosiddetti “ribelli” hanno rovesciato l’inferno sui civili? Perché i media mainstream non hanno riferito che pochi giorni fa i “ribelli moderati” hanno colpito una scuola di Damasco e che hanno ucciso tre bambini? Il filmato di questo episodio può essere visto qui .

E perchè non hanno dato notizia degli altri innocenti che vengono uccisi da questi bombardamenti indiscriminati, come è successo ancora ieri?

E’ chiaro che i media mainstream si astengono finora dal fare un solo rapporto sui civili a Damasco uccisi dai cosiddetti ribelli, evidenziando chiaramente un pregiudizio e un meccanismo di propaganda in gioco. 

Questo porta alla seconda domanda.Qual è la principale differenza tra i civili di Damasco uccisi dai “ribelli” di Ghouta orientale e quelli uccisi dai raid aerei siriani e russi a Ghouta orientale? 

La differenza è che i “ribelli” nella Ghouta orientale colpiscono deliberatamente i civili nelle aree controllate dal governo, mentre la Siria e la Russia stanno prendendo tutte le precauzioni in modo che non lo questo non avvenga.

I ribelli a questo punto si rendono conto che laguerra per loro è persa. Ma la loro ideologia religiosa dice loro che la ragione per cui perdono sono le forti tendenze del popolo Takfir – il loro dio non ritiene queste persone idonee per la salvezza.

Questo permette loro di dare la colpa alle persone che un tempo cercavano di governare, per le loro stesse perdite militari. Di conseguenza se mai ci sarà un governo teocratico,  sarà costruito con meno persone ma più osservanti.

In sostanza, i salafiti incolpano innanzitutto l’apostasia del popolo per aver dato origine all’eretico governo laico e socialista della Siria. Questo perché per il salafita la religione inizia e finisce con le persone, in termini di individuo.

Non c’è una dimensione sociologica nel loro ragionamento, invertono la logica, o la capovolgono – l’ideologia del popolo diventa l’ideologia dei governanti. Un apostata non può governare i giusti. La mancanza di fedeltà all’Islam è colpa del popolo – i governi riflettono solo questo.

Questo è il motivo per cui abbiamo visto le innumerevoli migliaia di decapitazioni e stermini di interi villaggi e città. Questo era ben lungi dall’essere limitato a “forze governative” o “politici pro-Assad”.

Inoltre, a livello di politica americana, possiamo vedere una ragione diversa. Gli Stati Uniti si rendono anche conto che a questo punto non c’è possibilità di vincere la guerra. Pertanto, qualsiasi aumento della morte e della distruzione in generale porta solo a uno stato fallito e a un processo di ricostruzione quasi impossibile.

Le preoccupazioni economiche o le questioni di sviluppo storico non sono sullo schermo radar per i medievalisti salafiti, sia che li vediamo sotto la bandiera della FSA, o la bandiera di ISIS o di una affiliazione di Al Qaeda.La realtà per loro è a-temporale e scollegata da questioni di sviluppo che possono essere misurate attraverso istituzioni e matrici secolari come l’Indice di sviluppo umano (HDI) delle Nazioni Unite. Piuttosto, cercano un ritorno a un mondo perduto da tempo e più rapidamente un apostata può essere espulso dal mondo, meglio è.

Quindi troviamo un punto di incontro tra le ragioni degli Stati Uniti e dei salafiti per colpire i civili. Cinicamente, anche gli Stati Uniti sanno che possono schierare i propri media per incolpare le forze filogovernative di tutte le perdite civili, come hanno fatto sin dall’inizio di questo conflitto che fino ad oggi ha causato la morte di centinaia di migliaia di persone.

Possiamo contrastarlo con il ragionamento del governo siriano e i suoi obiettivi. Cerca di governare una Siria del dopoguerra raccogliendo e continuando la propria politica di sviluppo degli ultimi sessanta anni. Sotto questa matrice, identica a quella che si trova nelle economie socialiste e di mercato, gli esseri umani sono una risorsa. Ciò richiede diverse cose – esseri umani che sono vivi per cominciare, e anche qualche minimo di fiducia e rispetto reciproco tra il governo e i governati.

Qual è la prova pratica di questo? 

Il governo siriano ha usato gli elicotteri per lanciare volantini sulla Ghouta orientale spiegando ai civili come sfuggire alla zona di battaglia, e ha garantito loro cibo, medicine e riparo e ha spiegato come uscire in sicurezza tramite un corridoio umanitario.

Il governo siriano ha generalmente mostrato uno sforzo enorme per essere debitamente diligente, e dato che stanno cercando di costruire verso una società postbellica funzionante in cui si capisca che la popolazione è la base per la legittimità, lo sviluppo e la creazione di ricchezza, è un’affermazione irrazionale  insistere sul fatto che il governo siriano abbia avuto uno slancio o una tendenza generale massacrare la propria popolazione civile.
Al contrario, i terroristi di East Ghouta colpiscono deliberatamente aree civili uccidendo bambini e civili – mentre il governo siriano offre ai civili un passaggio libero e sicuro con tutte le cose essenziali. 
Pertanto, se i civili e i bambini sono sfortunatamente uccisi nella Ghouta orientale, ciò è dovuto a due motivi:

  1. I genitori dei bambini sono sostenitori del terrorismo e si rifiutano di evacuare
  2. I cosiddetti “ribelli moderati” si rifiutano di lasciare passare i civili.

Allo stesso tempo, dovremmo essere sospetti di filmati che contengano i segni rivelatori della falconeria di White Helmets, dove i civili vengono irrazionalmente irrorati dovunque con un mix di finta polvere bianca che copre i volti, senza alcun motivo apparente eccetto per imitare le immagini viste storicamente da tragedie come terremoti, ecc. Queste sono state da lungo tempo ridimensionate, e l’analisi del frame ha rivelato che gli stessi “attori della crisi” sono stati usati in incidenti apparentemente non collegati, in “attacchi” geograficamente e cronologicamente separati

I media occidentali continuano a mentire e distorcere la verità sui Caschi bianchi, e li chiamano “difesa civile siriana” o “primi soccorritori civili siriani”. Non sono né gli gli uni né gli altri. Non sono una istituzione governativa. Sono un’organizzazione privata, composta esclusivamente da salafiti che sono stati anche indicati come membri di brigate da combattimento e finanziati da US-AID e simili.

Ora, questi stessi “ribelli moderati” nel 2015, apertamente e con arroganza, hanno mostrato che hanno usato le donne come scudi umani, e i media mainstream lo hanno sorprendentemente riferito .

Alla luce di ciò, una persona ragionevole sarebbe davvero disposta a fidarsi delle segnalazioni dei media mainstream riguardo ad East Ghouta?

Fonte: SOTT.NET

Di seguito nella copertina di Avvenire, altro figurante nell’emirato di Est Ghouta che Avvenire descrive così:

Himad Wafa è un siriano con un passato di emigrato in Italia. E proprio alle istituzioni del nostro Paese e dell’Europa intera si rivolge in alcuni video girati a Ghouta Est, non lontano da Damasco, da dove implora un intervento politico urgente per trovare una rapida soluzione alla crisi siriana, e in particolare per mettere fine al martellamento sul sobborgo ribelle. (…) “ (Avvenire)

Naturalmente Avvenire non sa niente di lui ma gli basta che va contro Assad (cioè il protettore dei cristianie dello stato laico seguito dal 90% dei siriani), Himad Wafa per Avvenire rappresenta il popolo che soffre, tanto basta. Ma per Avvenire è troppo domandarsi cosa ci fa quest’uomo in una zona dove predomina al Qaeda e ricordarsi che la gente che difende ha lanciato 2700 ordigni sulla parte governativa residenziale di Damasco, nonchè dei decapitati di Adra.

Fonte: Vietatoparlare