Usa: ecco lo spot più criticato dell’anno: ‘è demoniaco, il male puro’ – Video

0
video pro aborto

Guarda il video pro aborto più controproducente che esista – Video sull’aborto. Ha fatto di più un filmato di 40 secondi che decenni di battaglie pro-life.

Peccato che sia stato pubblicato a sostegno di Planned Parenthood, la più grande catena di cliniche per l’aborto. Brutalmente onesto.

Ci sono o ci fanno? Nasce spontanea la domanda dopo aver guardato il video pubblicato da qualche ora da Agenda Project, un’associazione a sostegno di Planned Parenthood, la più grande catena di cliniche dell’aborto degli Stati Uniti.

Un filmato che sta scatenando polemiche ed incredulità da ambo le parti, soprattutto tra i sostenitori dell’interruzione di gravidanza che, imbarazzati, si chiedono se sia una beffa pro-life.

Si tratta di un breve video (qui sotto) di 40 secondi intitolato “The Chosen” (La scelta), in cui appare una tenera e felice neonata e, accompagnati dal sottofondo musicale di Lullaby, si è invitati a leggere alcune frasi:

«Lei merita di essere amata». E, subito dopo: «Lei merita di essere desiderata». Ed infine, la frase agghiacciante che non ti aspetti: «Lei merita di essere una scelta».

Cioè, “merita” che qualcuno scelga se lasciarla vivere o farla morire. Il video si conclude con l’invito ad appoggiare Planned Parenthood, mentre l’immagine si affievolisce.

Ti potrebbe interessare anche Dopo l’aborto, il bimbo nasce vivo. I medici alla madre: ‘Cosa facciamo?’

I commenti sul video pro aborto

«Questo dev’essere uno scherzo», ha commentato orripilato il governatore del Texas, Greg Abbott. «Altrimenti è davvero sconvolgente».

L’attrice pro-aborto Patricia Heaton ha scritto a sua volta: «Ehm…quale genio di @PPFA ha deciso che questa era una buona idea? Mostrare una bella bambina ed elencare i criteri necessari per evitare di abortirla!?».

La cantante pop Kaya Jones non è invece riuscita a trattenere il disgusto: «Per favore preparati, questa è la cosa più demoniaca. Il male, è il male puro».

Una giornalista del National Review, infine, ha commentato: «Questo spot sembra essere stato creato da un gruppo anti-aborto o da uno spettacolo di satira per far sembrare le persone pro-choice come orripilanti mostri. Ma non è così».

Se ci si pensa un attimo, le cose sono ancora più tragiche. Concentriamoci sulla scritta: «lei merita di essere una scelta».

L’omicidio violento di una bambina viene presentato come qualcosa che la bambina stessa “merita”, ne è dunque degna. Se una cosa è “meritata” significa che è una ricompensa o una punizione.

I produttori di questo video apprezzerebbero di essere “premiati” nel modo che loro auspicano per altri esseri umani?

Immedesimandosi nella brutale e omicida filosofia dei “pro-aborto”, si può pensare che si siano dimenticati del testo.

Forse, avrebbero dovuto dire: «Lei merita di essere amata, merita di essere desiderata, ma se non lo è, allora merita di morire».

Tuttavia, ciò presuppone che tutti coloro che non sono amati o desiderati dai loro genitori “meritano” che un altro decida sulla loro vita.

Il che coincide perfettamente con il pensiero delle femministe di Non una di meno, ma non è meno disumanamente brutale.

Il video pro aborto più scioccante e onesto

La seconda cosa che rende tale video così inquietante è che è schiettamente onesto. Non ci viene mostrato un “grumo di cellule” ma una bambina, alla quale ci si riferisce con il pronome “lei” e non con “it”, che in inglese si utilizza per indicare animali, oggetti o tumori da estirpare, come i gruppi pro-choice a volte chiamano i bambini non nati.

Sembra quasi che si faccia il possibile per evidenziare la bellezza, l’amabilità ed il miracolo della vita. Eppure l’ultima frase arriva come una pugnalata, sia per i sostenitori che per gli oppositori.

Nessun pro-life avrebbe potuto pensare un video più scioccante ed onesto di questo, che più aiuta la causa della difesa della vita.

Ha fatto più un filmato di 40 secondi che decenni di battaglie per cercare di spiegare la disumanità di scartare le persone indesiderate, solo perché non ancora nate. Chapeau!

Fonte: UCCR – Titolo originale: Guarda il video pro aborto più controproducente che esista

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here