Vongole contaminate con salmonella enterica. Serio pericolo per la salute dei consumatori

0
vongole

Vongole vive contaminate con salmonella enterica dalla Francia

  • di Antonio Martino

Vongole vive contaminate con salmonella enterica, molto pericolose per la salute. I molluschi provengono dalla Francia. La segnalazione è stata diffusa dal RASFF (Rapid Alert System for Food and Feed). L’agenzia europea, con nota 2018.0317 del 7 gennaio 2018, ha lanciato l’allerta, definendo serio il pericolo per la salute dei consumatori. I molluschi, secondo l’ente comunitario, debbono essere ritirati dal mercato. Per quanto è dato conoscere, per ora i molluschi pericolosi sono stati distribuiti solo in Italia.

La presenza del microrganismo patogeno della salmonella enterica mette a serio rischio la salute dei consumatori. Per tale motivo sono invitati a prendere le dovute precauzioni. Trattandosi di un alimento che può essere acquistato non solo dalla grande distribuzione ma anche al dettaglio, potrebbe essere  esposto nelle pescherie o nei banchi dei mercati. Ciò rende più difficoltosa l’attività di richiamo dal mercato del prodotto contaminato. È opportuno quindi, nel momento che si intende comperare vongole sfuse, richiedere al venditore da dove provengono. Nel caso sia la Francia si suggerisce di non effettuare l’acquisto e segnalare il pericolo.

Il campionamento che ha portato alla segnalazione è del 25 gennaio 2018. Il tempo trascorso dal rilevamento della salmonella nelle vongole alla segnalazione del RASFF, dovuto probabilmente alla ricerca della ditta distributrice, è stato tale da permettere un’ampia diffusione del prodotto contaminato in Italia. Con tempi più contenuti sarebbe stata possibile una migliore azione preventiva. Da ciò si deduce l’importanza della rapidità in occasioni nelle quali la salute dei consumatori è messa in serio pericolo.

Vongole vive contaminate con salmonella enterica: i rischi per la salute

Secondo il RASFF le vongole francesi sono contaminate dalla salmonella enterica ser. Typhimurium, peraltro è un ceppo facilmente trasmissibile. Tale agente patogeno può causare la febbre tifoide, una malattia particolarmente aggressiva con una sintomatologia complessa la cui manifestazione più evidente è la comparsa di ulcerazioni cutanee.

Si raccomanda ai consumatori che intendono acquistare vongole sfuse di accertarsi dai rivenditori circa la provenienza dei molluschi.  Nel caso sia la Francia, si consiglia di non acquistare il prodotto e segnalare la vicenda al rivenditore e alle autorità sanitarie locali per le opportune verifiche.

Fonte: @treminuti