Whatsapp: in arrivo la novità di Zuckerberg che non piacerà agli utenti

0
Whatsapp

WhatsApp: pubblicità ufficiale in App! – articolo originale in inglese di Indipendent tradotto da Nikolas Pitzolu

Pubblicità o non pubblicità all’interno di WhatsApp? Ebbene, pubblicità sì a partire dal 2019 ma a determinate condizioni.

Da qualche tempo si dibatte in rete se sia il caso di avere o meno la pubblicità all’interno dell’applicazione WhatsApp.

Dopotutto, il servizio attualmente è completamente gratuito ma un famoso comico che si è prestato alla politica ha sempre affermato che quando un prodotto è gratuito, alla fine il prodotto siamo noi! Quindi pubblicità sì o pubblicità no?

Quando arriverà la pubblicità su Whatsapp

Prima dell’acquisizione da parte di Facebook, WhatsApp costava circa un euro all’anno e non sono mancate le promozioni dove l’utilizzo dell’App è stata regalata per anni, anni e anni.

In effetti però pareva strano che Zuckerberg non fiutasse il business delle ads all’interno dell’applicazione di messaggistica più usata al mondo. Più che altro ci pare strano che lui e la sua azienda abbiano deciso di implementarla solo ora!

Ebbene si, dal primo trimestre 2019, WhatsApp avrà delle pubblicità in giro per l’App e verranno fuori mentre utilizziamo la stessa.

In effetti sia Instagram che WhatsApp  hanno un numero gigantesco di utilizzatori e questo potrebbe tornare utile ad aziende e/o privati.

Ma se per ora Facebook introdurrà la pubblicità solo all’interno della sezione stato (la colonna centrale quando utilizziamo l’App), le chat non saranno colpite.

Ergo, non ci verrà fuori un banner pubblicitario mentre scriviamo messaggi ad un amico, amica, genitore, parente, etc etc…

Ovviamente Zuckerberg sa che anche solo prendendo in considerazione la sezione stato i numeri saranno elevatissimi: attualmente si pubblicano più di 450 milioni di storie al giorno, solo sull’App di messaggistica verde!

Abbiamo ancora qualche tempo per non vedere nell’App degli ads che spuntano da una parte all’altra ma vedremo come gli utenti reagiranno a questa introduzione di spazi pubblicitari all’interno di una delle App che utilizzano di più nel quotidiano.

Ricordiamo, per ora sarà limitata agli stati e, un domani, potrebbero colpire proprio le nostre chat sia singole che di gruppo. Fonte – tratto da Teeech